Nov
06

NOV 2016 – Brasil, Aosta, Popoli…Viaggio a Montevideo, Dal Ritorno

Novembre oltreconfine…

Dal Ritorno in competizione internazionale in Brasile al Festival CINERAMABC a Balnearia Camboriou, il 9 novembre alle 20. Con il bel titolo portoghese di Desde O Começo (letteralmente Dall’inizio – l’inizio di una nuova visione del film)

A Front Doc, Festival di Cinema di Frontiera ad Aosta (in cui ho l’onore di essere membro della giuria internazionale), venerdì 11 novembre una serata dedicata a Giovanni Cioni, cineasta oltreconfine.

Con la proiezione di Dal Ritorno alle 20.30 

e alle 22.30 la presentazione dei film del Laboratorio Oltreconfine e l’anteprima (in copia di lavorazione) del mio Viaggio a Montevideo , un film nato dall’esperienza

Oct
10

LABORATORIO OLTRECONFINE

Laboratorio di cinema del reale iniziato fine febbraio 2015, realizzato in collaborazione con la Film Commission Val d’Aosta. Un laboratorio dove esplorare l’idea di confini attraverso la scrittura e realizzazione di una serie di film corti, film essai, prove di cinema, cinema del reale o appunto “cinema oltre confine”. Lavori realizzati come proposte e declinazioni libere dell’idea di confine. Lavori nutriti da riflessioni, scambi di idee, sopralluoghi.

Uno spunto narrativo di partenza, per questo viaggio, sono i Canti Orfici di Dino Campana. Più che uno spunto narrativo, un materiale poetico, una mappa di ispirazione. 

Il confine è una questione di sguardo, sugli altri su

Oct
10

BAD DAY (IL GIOCO DEL REALE)

Un’installazione presso il TAU Teatro Auditorio dell’Università della Calabria, (30 settembre – 4 ottobre 2016)

nata da un laboratorio IL GIOCO DEL REALE/IL REALE DEL GIOCO svolto presso il DAMS Università della Calabria, giugno 2016

14409383_10209579700841179_4012688378570676358_o-213344580_10206327572695641_2227049293257398607_n

Lavorare su uno spazio reale, un tempo reale, attraverso la narrazione di un videogioco. Un luogo di attesa, di passaggio e di incontri, il piazzale davanti all’università, con la pensilina dei bus, i caffè, i chioschi, i ristoranti. Fine giornata. Un luogo reale e un tempo reale, raccontati in un’installazione su vari schermi facendo ricorso al linguaggio narrativo di un videogioco che appartiene all’archeologia del

Older posts «

» Newer posts